Smarticon

Smarticon è uno strumento scientifico innovativo, in grado di affrontare e gestire tutte quelle “complessità” che caratterizzano il settore del Patrimonio Culturale.

Esse, infatti, si traducono in una serie di “criticità” che determinano i limiti dello “stato della tecnica attuale” e che rendono questo settore uno dei più nevralgici su scala mondiale.

Smarticon si prefigge l’obiettivo di fornire un contributo finalizzato a porre rimedio a queste criticità e ad ottimizzare il recupero della conoscenza attraverso la sinergia che scaturisce dall’armonizzazione tra: tecnologia, innovazione, metodo, ma anche e soprattutto grazie all’indispensabile ruolo che svolgono gli esperti.

La loro conoscenza, infatti, non rappresenta solo la fonte delle informazioni (che verranno poi elaborate nei processi del metodo), ma svolge anche un ruolo fondamentale nella “validazione” dei risultati che esso genera (il recupero della conoscenza che scaturisce dai processi e la sua continua implementazione).

È per queste ragioni che tutte le informazioni che sono alla base dei processi produttivi, possono essere definite “affidabili”: perché provengono da fonti storiche comprovate che, anche se discontinue, hanno già superato il processo di veridicità e validità da parte degli esperti.

Questo presupposto fa si che ogni processo sia orientato verso la ricerca di una “verità” affidabile, attendibile, comprovabile e comprovata.

La strategia è quella di recuperare, organizzare e rendere fruibili tutte le informazioni tra loro differenti, ma che popolano un medesimo settore.

Il metodo attraverso il quale si ottiene questo “ordinamento” consente la classificazione, la catalogazione e la tracciabilità dei beni di valore e, in particolare, ma non esclusivamente, delle opere d’arte.

Smarticon, infatti, pone un “ordine ermeneutico” fra le differenti informazioni che popolano il settore dell’arte. Hermes, la divinità della mitologia greca che impersona il messaggero degli Dei, è la figura che più si addice a rappresentare la logica che governa questo metodo, poiché l’“ermeneutica”, in filosofia, è la metodologia dell’interpretazione.

Il metodo, dopo aver rintracciato le informazioni, le elabora attraverso diverse fasi: ognuna delle quali è caratterizzata da un processo di logica induttiva, deduttiva ed empirica.

Ogni fase è preposta a porre un ordinamento tra tutte le informazioni (differenti per statuto e natura), per poi definire il loro processo di formazione fino a generare gli “enunciati”. Ciò avviene attraverso una profonda analisi: da dove nascono, il loro ordinamento in assiomi e le regole che consentiranno loro di assumere le proprietà che genereranno le funzioni enunciative.

Attraverso i suoi processi ripetitivi e metodici, Smarticon, trasformando le informazioni in enunciati, consente loro non solo di poter generare relazioni e correlazioni ma, soprattutto, di far emergere le contraddizioni e di gestirle affinché anch’esse diventino enunciati.

Inoltre Smarticon elabora la raccolta di evidenze empiriche e la formulazione di ipotesi e teorie che rappresentano le soluzioni per migliorarne continuamente i processi (dalla formulazione degli enunciati stessi alle regole atte a gestirli).

I contenuti innovativi di questo metodo consentono di perseguire una pluralità di benefici, sia intersettoriali che transfrontalieri.